IL CIBORIO GIOACHIMITA

La categoria

28/10/2021

IL CIBORIO GIOACHIMITA

Il Ciborio Bronzeo Gioachimita è un’opera monumentale custodita all’interno della chiesa madre del borgo antico di Cervicati. Si tratta di un’opera d’arte raffinata e soprattutto preziosa realizzata dal famoso scultore e medaglista Eduardo Bruno, originario di San Marco Argentano ma da anni ormai residente nella città di Firenze.

Il Ciborio Bronzeo è bello, imponente e nello stesso tempo elegante, alto un metro e mezzo con un peso di circa 220 kilogrammi.

L’opera, che ha richiesto ben tre anni di lavoro, è il risultato di una lunga ricerca sulla grande figura di Gioacchino da Fiore e su quella di Dante Alighieri . L’elaborazione iconografica fa riferimento alle simbologie tratte dalla Divina Commedia e dal Liber Figurarum dell’abate calabrese dotato di spirito profetico.

Il ciborio ha forma ottagonale ed è articolato su tre registri essenziali, arricchito di misteriose simbologie gioachimite,dantesche e veterotestamentarie.
Le otto formelle della parte centrale, incassate tra le colonnine di stile composito, presentano la classica figurazione plastica della deposizione della Vergine Maria, San Giovanni evangelista, San Nicola, San Rocco, Sacro Pellicano e Cervo che si abbevera alla Sacra fonte. I tre cerchi ad una sola continenza indicano le tre età del mondo:  l’età del Padre, l’età del Figlio e l’età dello Spirito Santo. Di questo Dante ne parla nella sua  Divina Commedia nel canto XXXIII del Paradiso. Quando sta per arrivare in Paradiso improvvisamente vede questi tre cerchi e dice : “Ne la profonda e chiara sussistenza de l'alto lume parvermi tre giri di tre colori e d'una contenenza e l'un da l'altro come iri da iri parea reflesso, e 'l terzo parea foco che quinci e quindi igualmente si spiri. “ Tutte le figure immaginate e create dallo scultore Eduardo Bruno sono collegate a queste immagini e visioni dantesche.

Le figure di sostegno , collocate nella parte bassa dell’opera ,rappresentano invece le virtù che per la chiesa cattolica sono 7  : fede, speranza, carità, prudenza, giustizia, fortezza e temperanza. Lo scultore, in questa sua superba opera ne ha voluto inserire un’ottava : la modestia.

 

Il ciborio bronzeo è stato esposto anche nella famosa galleria degli uffizi a Firenze

indietro

torna all'inizio del contenuto